lunedì 2 maggio 2011

Lo strano concetto di famiglia

L’articolo n. 29 della costituzione sancisce che la famiglia è riconosciuta “come società naturale fondata sul matrimonio”.
Sarebbe utile che però il numero di matrimoni vada ricordato, soprattutto ai politici che poi vanno tutti a difendere la l’istituzione della famiglia al family day. Ma quale famiglia andranno mai a difendere?

Silvio Berlusconi (PDL): divorziato con figli e risposato
Umberto Bossi (Lega Nord): divorziato e risposato
Roberto Calderoli (Lega Nord): divorziato 2 volte attualmente convivente
Pierferdinando Casini (UDC): divorziato con figli ed ora convivente
Marco Follini (Italia di Mezzo ex UDC attuale PD): divorziato
Giuseppe Drago (UDC): divorziato
Erminia Mazzonì (UDC): sposata con un divorziato
Gianfranco Fini (FLI): sposato con una divorziata
Ignazio La Russa (PDL): avvocato divorzista, divorziato e convivente.
Altero Matteoli (PDL): divorziato e risposato
Mario Baldassarri (FLI): divorziato e risposato
Daniela Santanchè (PDL): primo matrimonio annullato, ora convivente
Gianni Alemanno (PDL): sposato, separato
Elio Vito (PDL): divorziato
Antonio Leone (PDL): divorziato
Paolo Romani (PDL): divorziato
Gaetano Pecorella (PDL): divorziato, pluriconvivente
Pierferdinando Adornato (PDL): divorziato
Elisabetta Gardini (PDL): convivente con figli
Letizia Moratti (PDL): sposata con un divorziato
Gabriella Carlucci (PDL): divorziata, risposata
Franco Frattini (PDL): divorziato con figlia, ora convivente
Paolo Guzzanti (PDL): divorziato, con 6 figli
Gianfranco Miccichè (Forza del Sud): divorziato, con 3 figli
Dorina Bianchi (ex UDC): divorziata ora convivente
Paolo Cirino Pomicino (Nuova DC): divorziato, ora convivente
Enrico Letta (Margherita): divorziato (non ha partecipato neanche “moralmente” al Family Day)

E' palese che qualcuno abbia un concetto di famiglia leggermente distorto.
O forse hanno interpretato l'articolo 29 in maniera diversa dagli altri.
Del resto cosa ti aspetti da una classe politica che va a puttane nel senso letterale della parola? Che sia uomo o donna, maggiorenne o minorenne, non rappresenta un limite o un problema, l'importante è difendere quel sacro vincolo che è la famiglia!
In tutto questo c'è la Chiesa che li appoggia.
Ma si sa, ormai la Chiesa, intesa come istituzione, è un pò come la camera dei deputati o quella del senato. L'importante è guardare i propri interessi.

2 commenti:

  1. Ciao trovo il tuo blog molto interessante, ti interesserebbe "ribattere" i tuoi articoli per ottenere maggiore visibilità su un blog condiviso (http://www.vocedalbasso.com) dove facciamo un esperimento di giornalismo partecipativo?
    Grazie e ciao!

    RispondiElimina
  2. sarebbe sicuramente interessante! come devo fare?

    RispondiElimina